Film/Serie tv,  Recensioni

Scrubs: quando una sit-com riesce ad insegnarti

Scrubs, per me, è quella serie che rivedrei all’infinito. Ti insegna molto e ti fa crescere spiritualmente, o almeno è stato così per me.

Ci sono mille ragioni per cui Scrubs è al primo posto delle mie serie televisive preferite (con un distacco enorme dalle altre) ma cercherò di spiegarvi, con ordine, il motivo per cui Scrubs è una serie che va vista assolutamente una volta nella vita.

Intanto sfatiamo un mito: le stagioni sono 8, il finale è il bellissimo “Il mio finale“. La fatidica (e orribile) nona stagione è uno spin-off, il titolo è Scrubs: med school (adattamento che non spiega nulla…).

Ideata da Bill Lawrence, Scrubs è la storia del dottore John Dorian, interpretato da un talentuoso Zach Braff, e della sua crescita sia come dottore (visto che parte come tirocinante) sia come uomo. Il personaggio di J.D. (perché è così che viene chiamato) è un personaggio dalle mille sfaccettature e non voglio parlarne qui, avrà un’analisi tutta per lui.

The Powerbook on scrubs

Ad accompagnare J.D. ci sarà il suo migliore amico Turk (Donald Faison) e la bellissima dottoressa Eliott Reid (Sarah Chalke) che sarà il chiodo fisso del protagonista a livello amoroso (tant’è che nella serie vengono paragonati all’altrettanto bellissima coppia Ross e Rachel di Friends). Ma questo trio non è solo. Ad accompagnarli ci sono, infatti, l’infermiera e moglie di Turk, Carla; il dottor Cox, mentore di J.D. e grande fonte d’ispirazione per tutti; e come dimenticare il pericoloso inserviente, interpretato da Neil Flynn?!

Recensione

Le side-stories dei personaggi si amalgamano bene alla storia principale e spesso ne diventano protagoniste, a dimostrazione che J.D. è sì il personaggio principale, ma anche gli altri riescono a reggere il confronto.

Dal punto di vista narrativo, Scrubs non frena un momento. Si può ridere a crepapelle per tre puntate di fila e poi avere una batosta alla quarta, insegnandoci che le cose tristi saranno sempre dietro l’angolo. Ed è proprio nei momenti tristi che la sceneggiatura viene esaltata e i personaggi danno il meglio. Ve lo giuro piango ancora a certe scene o al finale di serie: sono scene girate e scritte talmente bene che commuovono.

B005IVX3IM
Amazon: Scrubs- Collezione Completa Dvd
B01GCSXKGY
Amazon: T-shirt Scrubs pixel

Dal punto di vista comico invece le battute non sono mai banali, le situazioni surreali fanno ridere e le improvvisazioni rendono tutto più bello.

Fidatevi delle mie parole, se non lo avete fatto guardate Scrubs cogliete lo spirito sotto le battute, vivetevi Scrubs. Non ve ne pentirete.

P.s. e poi la puntata del musical è fantastica.

Mi raccomando, seguite la pagina Facebook e Twitter per gli aggiornamenti quotidiani.

Se ti è piaciuto questo post allora forse potrebbero interessarti:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non perdiamoci di vista! ISCRIVITI ALLA MAILING LIST (tranquilla/o, NON sommergo di mail-odio chi lo fa)

* indicates required