Curiosità,  Film/Serie tv,  Novità

Sharp Objects: le inquietanti parole nascoste nella serie di Sky Atlantic

Ma ciao ragassuoli!

Sapete che oggi, lunedi 17 settembre, uscirà su Sky Atlantic la nuova serie Sharp Objects?

Ebbene si, la serie con protagonista Amy Adams e con lo stesso regista di Big Little Lies (Jean-Marc Vallée), è finalmente arrivata in Italia, dopo il successo d’oltreoceano.

Le puntate sono caratterizzate dalla presenza di flashback istantanei, immagini velocissime capaci di far crescere il senso di inquietudine.

Ad aggiungere tensione, una serie di misteriose parole e frasi compariranno all’improvviso nelle inquadrature, nei posti più impensati. Ma solo gli gli spettatori più attenti riusciranno a notarle.

Prima di spiegare di cosa si tratta, però, parliamo della trama di Sharp Objects.

B073QGGXCQ
Amazon: dvd Big Little Lies

Trama

Tratta dal romanzo di debutto di Gillian Flynn (la stessa che ha scritto “Gone Girl”, altra storia inquietante), la serie racconta di una reporter problematica (Amy Adams).

Camille Preaker, infatti, è una giornalista investigativa che è stata da poco dimessa da un ospedale psichiatrico dove è stata internata a causa delle ferite che si infligge sul corpo con degli oggetti affilati.

Nonostante la donna non abbia ancora raggiunto il pieno equilibrio, le viene affidato un caso che la riporterà nella sua città di nascita, Wind Gap in Missouri, dove dovrà indagare sulla morte misteriosa di due ragazze e affrontare i demoni del suo passato. Come se non bastasse, la povera Camille dovrà anche riallacciare i rapporti con la madre, una terribile Patricia Clarkson.

B07FDSJSQQ
Amazon: libro digitale Sharp Objects- Gillian Flynn

Le parole misteriose

Ma parliamo ora dell’argomento che vi avrà incuriosito leggendo il titolo dell’articolo.

Guardando la prima puntata della serie con attenzione, vi accorgerete che nelle inquadrature compariranno delle parole in luoghi inusuali. Si tratta di immagini molto rapide, perciò dovrete fare attenzione per notarle. Allucinazioni? Pensieri di Camille tradotti in immagini? Non è chiaro di cosa si tratti.

Sono parole apparentemente innocue, come la scritta “Dirt” (cioè, “sporco”)sul cofano della macchina della protagonista. Ciò che incuriosisce, però, è che nelle inquadrature precedenti non era presente alcuna traccia; la stessa scena inoltre comparirà anche in uno dei rapidissimi flashback della serie.

Sharp Objects 4

Un cartello stradale all’improvviso si tramuta in un monito per Camille: “Change your mind” (“cambia idea”).

Sharp Objects 3

Con l’avanzare della puntata il mistero non viene svelato; un ipotesi è stata fatta da BadTv, che spiega che in realtà non hanno un vero e proprio significato, ma sono semplicemente un modo per “restituire allo spettatore il senso del mondo mentale di Camille”. Trattandosi di una giornalista, forse le parole fanno parte della vita della donna a tal punto da spingerla a vederle ovunque, a pensare con parole scritte.

Sharp Objects

Personalmente ho avuto la fortuna di poter vedere in anteprima la puntata e devo dire che tutti questi stratagemmi del regista sono ottimi per far crescere la tensione con poco.

La comparsa di una misteriosa bambina in un’inquadratura in cui poco prima non era presente. Parole graffiate sui muri di una casa per le bambole.

Sharp Objects 8

Le cicatrici sulle braccia di Camille che all’improvviso vengono evidenziate in modo da mostrare nuove parole allo spettatore.

Sharp Objects

Insomma, la serie trasmette grande inquietudine ed è interpretata magistralmente da Amy Adams.

Vedremo se Sharp Objects sarà in grado di soddisfare le aspettative degli spettatori italiani.

La mia curiosità per il momento è alta. Staremo a vedere!

E voi? Vedrete la serie?

Alla prossima!

 

Mi raccomando, iscrivetevi alla pagina Facebook e Twitter per gli aggiornamenti quotidiani.

Se ti è piaciuto questo post allora forse potrebbero interessarti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Non perdiamoci di vista! ISCRIVITI ALLA MAILING LIST (tranquilla/o, NON sommergo di mail-odio chi lo fa)

* indicates required